Sanificazione in azienda : Attenzione alle imprese non certificate

Sanificazione, un termine fino a poco tempo fa desueto: ora diventato di uso comune. In particolare per gli imprenditori che cercano di capire gli strumenti e le tutele da adottare per la sicurezza delle aziende. Ovviamente anche dei dipendenti e clienti

Di necessità virtù, si potrebbe dire. L’emergenza sanitaria ha fatto aumentare l’offerta e il numero di aziende operanti nella sanificazione, nella disinfezione di ambienti e nella loro messa in sicurezza.


Sarebbe un bene per gli utenti se tale incremento di offerta portasse ad una  riduzione dei tempi attesa intervento, calmierando e costi.

Viceversa tale crescita di operatori è dovuta, per la maggior parte, a soggetti  che non hanno i requisiti di legge.  Propongono quindi ai datori di lavoro interventi di sanificazione senza possedere alcuna certificazione e le dovute competenze.


Vengono quindi posti in essere “presunti” interventi di sanificazione che non offrono nessuna garanzia per il committente. Senza nessuna garanzia per la salute dell’ambiente e soprattutto dei cittadini. Il presunto risparmio si traduce in una beffa ma, ovviamente, in un danno economico.


Si ringrazia l’impresa Doctor Clean Professional  per la fornitura di informazioni e del quadro normativo durante la stesura di questo articolo.


Esiste un apposito Albo speciale dove sono iscritte le imprese che  possono svolgere questa tipologia di interventi, avendo la dovuta documentazione e certificazione. Sono soltanto queste imprese e sono le uniche ad essere autorizzate per legge. A sottolinearlo è  ANID Associazione nazionale delle imprese di disinfestazione, che rappresenta circa 400 imprese della filiera composta da aziende di servizio e distributori di prodotti adatti alla sanificazione.


Quali sono le imprese certificate per la sanificazione?

Sanificazione: Ozono, varechina, etanolo. Facciamo chiarezza

Impresa sanificazione ozono – noleggio attrezzature

I commenti sono chiusi.